ALBERTO RADIUS – FORMULA 3

ALBERTO RADIUS – ROBY CANTAFIO

Live a Vizzolo Predabissi 06/11/2022

h 21:00 Il rocker Roby Cantafio e la sua band, composta di musicisti di grandissimo calibro; Luca Ballabio, Mao Granata, Steve Ferrovecchio, ha aperto questa splendida serata con un repertorio di brani originali magicamente suonati e interpretati. La formazione ha il rock nelle vene e nelle mani e crea l’atmosfera perfetta per introdurre lo show del Maestro Radius.

h 22:00 Alberto Radius sale sul palco, comincia a suonare e sembra che gli anni che ha siano improvvisamente diventati trenta di meno. Con i suoi musicisti regala al pubblico una carrellata di evergreen dal repertorio Formula 3, la band che accompagnava Lucio Battisti nel suo repertorio più rock; “questo folle sentimento”, “il tempo di morire”, “con il nastro rosa”, “un’avventura”.

Una serata indimenticabile.

Ph: © Carlo Oriani

Pubblicità

HANG UP THE GLOVES

Ph: © Carlo Oriani

.

Hang Up The Gloves

Do I hang up my gloves or do I not hang up my gloves? That is a question.

Essi erano appena partiti…

„Essi erano appena partiti quando un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e disse: «Alzati, prendi con te il bambino e sua madre e fuggi in Egitto, e resta là finché non ti avvertirò, perché Erode sta cercando il bambino per ucciderlo». Giuseppe, destatosi, prese con sé il bambino e sua madre nella notte e fuggì in Egitto, dove rimase fino alla morte di Erode.“

Ph: © Carlo Oriani

SOTTO UN VELO DI NEBBIA

Può piacere o non piacere, la nebbia.

Può aiutarti a renderti invisibile e muoverti libero per le via di una città oppure impedirti di progredire assieme alle tue paure.

Può rendere tutto silenzioso o diventare maledettamente rumorosa.

La nebbia, un velo che si appoggia delicatamente e sempre delicatamente svanisce lasciandoci in balia di noi stessi.

È lì che scopriremo noi stessi, finalmente.

Writing: Alice Kavalla

Photographer: Carlo Oriani

Il Castello

Io che apro portoni e tu che cali inferriate e sollevi ponti levatoi. E i castelli diventano draghi inavvicinabili.
(Fabrizio Caramagna)

Ph: © Carlo Oriani

Lo Stagno

C’è troppa urgenza a questo mondo; una necessità di arrivare sempre prima.
Per questo mi piace guardare lo stagno, che sta immoto e placido, e non ha nessun bisogno di mettersi davanti a qualcosa.
(Fabrizio Caramagna)

Ph:© Carlo Oriani

LA PORTA

Pochi libri cambiano una vita. Quando la cambiano è per sempre, si aprono porte che non si immaginavano, si entra e non si torna più indietro.
(Christian Bobin)

Ph: © Carlo Oriani